area riservata siti amici credits

Il vetro...componente strategico del serramento;
coibenza termica e acustica, sicurezza...
Montiamo di serie la vetrata selettiva (cosidetta “quattro stagioni”).

Vediamo come funziona

1 Vengono applicati due depositi: uno a controllo solare sulla faccia interna del vetro esterno (faccia 2) ed un altro a bassa emissività sulla faccia interna del vetro interno (faccia 3), ovvero un unico contemporaneo trattamento sulla faccia 2

3 IN ESTATE il deposito a controllo solare filtra l’irraggiamento solare e limita così il riscaldamento all’interno dell’ambiente provocato dai raggi infrarossi, lasciando entrare solamente circa il 40% dell’energia solare incidente

2 IN INVERNO Le radiazioni termiche, prodotte dall’impianto di riscaldamento, vengono riflesse dal deposito a bassa emissività. In tal modo il calore è conservato all’interno dell’ambiente; il deposito a bassa emissività, comunque, lascia entrare la luce e gran parte dell’irraggiamento energetico del sole

4 Gli effetti pratici si traducono nella riduzione a circa il 40% della radiazione solare che entra attraverso il vetro, con conseguente risparmio di energia per il condizionamento durante la stagione estiva (e nel medesimo comportamento del solo bassoemissivo nella stagione invernale)
Il valore medio della trasmittanza termica Ug delle vetrate di serie è di 1,10 W/m2K , mentre quello Uw del serramenti è variabile in dipendenza della estensione del vetro rispetto al serramento e varia da circa 1,35 a 1,60 W/m2K (aumenta al diminuire del vetro). Ad ogni modo, già con i valori della produzione di serie si rientra abbondantemente al di sotto delle soglie normative al fine di poter beneficiare dello sconto fiscale del 65% per le ristrutturazioni.
La norma UNI 7697: 2014 ha esteso l’obbligo di utilizzare vetrate di sicurezza stratificate su tutti i serramenti, per cui l’intera produzione di serie è così allestita.

Si definisce stratificato di sicurezza il vetro composto da almeno due lastre, tenute solidali da uno o più fogli di materiale plastico, generalmente PVB (polivinilbutirrale). In caso di rottura, l’intercalare (materiale plastico) serve a trattenere i frammenti di vetro, limitare le dimensioni dell’apertura, offrire resistenza residua e ridurre il rischio di ferite da taglio e perforazione.
Le vetrate antinfortunistiche, montate sulla produzione di serie, sono anche molto isolanti acusticamente.

Il valore medio del fattore fonoisolante della vetrate di serie è Rw 34 dB, mentre quello delle finestre di circa 36 dB. Tali prestazioni possono essere aumentate, se necessario, con l’utilizzazione di vetrate insonorizzanti speciali che possono arrivare fino a 43-44 dB.


  IL LEGNO INFISSI srl – Via Poste 11, 81011 Alife (CE) - p.iva 03809910619