area riservata siti amici credits

I vetri - comfort termico

La conseguenza pratica della migliore coibenza di una parete vetrata è di tutta ovvia evidenza; ciò nondimeno si vuole qui mettere in risalto che gli effetti benefici all’interno di un ambiente si hanno sia nel caso di stagione fredda (inverno), con la riduzione dell’effetto di “parete fredda”, e sia nel caso di stagione calda (estate), con la diminuzione degli “apporti energetici solari”.

Riduzione dell’effetto parete fredda
(qui contribuisce fortemente il valore U, di isolamento termico)
Il corpo umano scambia calore con l’ambiente per irraggiamento. Ed è proprio in virtù di questo che è possibile provare una sensazione di freddo nelle vicinanze di una parete a bassa temperatura, anche se ci si trova in una stanza in cui la
temperatura è confortevole.
Durante la stagione invernale, se il valore di U è basso, la temperatura della faccia interna della vetrata rimarrà più elevata e verrà ridotto l’effetto cosiddetto di parete fredda, e pertanto sarà possibile:
avvicinarsi di più alle finestre senza alcuna sensazione sgradevole di freddo;
ridurre, o meglio annullare, i rischi di formazione di condensa sui vetri;
diminuire fortemente la fuoriuscita di calore dagli ambienti e con esse le spese per il riscaldamento. Per ottenere tali effetti bisogna far ricorso a vetrate “bassoemissive”.

Come funziona la vetrata bassoemissiva :

1 viene applicato un deposito a bassa emissività sulla faccia interna del vetro interno (faccia 3)


2 le radiazioni termiche, prodotte dall’impianto di riscaldamento, vengono riflesse dal deposito a bassa emissività. In tal modo il calore è conservato all’interno dell’ambiente; il deposito a bassa emissività, comunque, lascia entrare la luce e gran parte dell’irraggiamento energetico del sole (tale trasparenza all’irraggiamento solare ed il contemporaneo funzionamento tipo “effetto serra” , però, determinano un disagio nella stagione estiva, quando nell’ambiente si vuole mantenere una temperatura fresca e non calda)
3 gli effetti pratici si traducono in una drastica riduzione dei costi di riscaldamento (per la minimizzazione della fuoriuscita di calore)
4 e nella scomparsa del fenomeno della condensa che potrebbe formarsi in presenza di pareti “fredde” con temperature al di sotto del “punto di rugiada” dell’ambiente; facilmente per quella con 5°C , e in caso di alta umidità relativa anche per quella con 17°C.




  IL LEGNO INFISSI srl – Via Poste 11, 81011 Alife (CE) - p.iva 03809910619