area riservata siti amici credits

Requisiti e prestazioni dei serramenti

I tamponamenti verticali degli edifici, in cui sono alloggiati i serramenti, sono investiti da una serie di fenomeni, che producono azioni sollecitanti più o meno severe, rispetto alle quali essi devono presentare un comportamento adeguato, cioè offrire prestazioni soddisfacenti:
fenomeni fisici, determinati dal contatto con la pioggia e con gli altri agenti atmosferici, dalla presenza di vapore acqueo, dagli sbalzi termici, dalle variazioni dell’umidità, dal fuoco ;
fenomeni chimici, determinati dall’aggressività degli agenti inquinanti atmosferici, dall’azione di sostanze e detergenti di uso domestico, etc.;
fenomeni meccanici, indotti dalle azioni sollecitanti portate dai carichi (compreso il vento), dalle vibrazioni, dagli urti;
fenomeni biologici, causati dall’azione di muffe e batteri o da quella di insetti e piccoli animali.



3.5.1 - Controllo delle dispersioni termiche
È l’attitudine a contenere entro determinati limiti le perdite di calore verso l’esterno per conduzione, convezione e irraggiamento. Questo requisito è da porre in relazione alla L.10/91 (e s.m.i.) riguardante il contenimento dei dispendi energetici per il riscaldamento degli edifici e lo sviluppo delle fonti rinnovabili di energia . È espresso, all’interno di una procedura di verifica piuttosto complessa, come una richiesta di contenere il coefficiente di dispersione volumico dell’edificio e di conseguenza di contenere la trasmittanza termica (cioè la perdita di calore per conduzione) e la permeabilità all’aria (la perdita di calore per convezione) dei serramenti.
Il serramento, quindi, è una delle componenti (ma non l’unica), insieme alle tompagnature ed ai solai, che concorrono a fornire il comfort termico.
Su tale argomento si rimanda anche ai paragrafi 4.5.6 e 6.7.
Considerata, quindi, la varietà degli eventi e dei fatti relativi agli edifici e la necessità di assicurare il soddisfacimento delle esigenze espresse dall’utenza, sono richiesti ai serramenti determinati modi di funzionare, cioè determinati requisiti. Requisiti, la cui espressione costituisce un momento fondamentale di ogni azione normativa, in quanto consente di porre le basi scientifiche e conoscitive delle modalità di controllo dei fenomeni che investono l’ambiente costruito e di prefigurare gli strumenti di valutazione per fissare i limiti entro i quali sono accettabili i comportamenti degli elementi edilizi. Nel seguente elenco sintetico, non esaustivo data la complessità dell’argomento, sono definiti i principali requisiti normalmente considerati nella progettazione dei serramenti, alcuni dei quali sono prescritti dalle norme o dalle leggi vigenti:






3.5.2 - Controllo dell’irraggiamento termico solare
È l’attitudine a contenere entro determinati limiti l’irraggiamento solare entrante negli ambienti interni. Questo requisito è da definire attentamente nel caso di grandi superfici vetrate, prive di schermi, per le quali sia da valutare l’effetto dell’irraggiamento sulle condizioni di benessere igrotermico degli ambienti: esso si traduce, in genere, nella richiesta di riduzione del fattore solare, cioè del rapporto tra l’energia totale entrante nell’ambiente e l’energia incidente sulla superficie vetrata. Su tale argomento si rimanda anche ai paragrafi 4.5.5 e 4.5.6 ed ai valori del fattore solare “g” alla tabella del paragrafo 4.5.9. Tale controllo, comunque, non è previsto dalla procedura di marcatura CE , e conseguentemente non vi sono prove specifiche da poter/dover eseguire.



3.5.3 - Controllo del passaggio della luce
È l’attitudine a consentire l’illuminazione naturale degli ambienti. Questo requisito è espresso dal D.M. 05.07.75 attraverso il fattore medio di luce diurna, cioè dal rapporto in percentuale tra l’illuminamento medio presente negli ambienti di un edificio e l’illuminamento contemporaneamente presente su una superficie orizzontale situata all’esterno che riceva la luce dell’intera volta celeste (cioè dall’intero emisfero) senza irraggiamento solare diretto. Tale controllo, comunque, non è previsto dalla procedura di marcatura CE , e conseguentemente non vi sono prove specifiche da poter/dover eseguire.


3.5.4 - Controllo del passaggio dell’aria
È l’attitudine a contenere entro determinati limiti l’entrata di aria a serramento chiuso e a graduarne il passaggio a serramento aperto. Il requisito fa quindi riferimento sia alla permeabilità all’aria del serramento per controllare la presenza di infiltrazioni ad ante chiuse (norma UNI EN 1026), sia alla possibilità di ottenere un ricambio dell’aria rapido o continuo (a seconda delle necessità), evitando correnti fastidiose, grazie ad una appropriata manovra delle ante operata dall’utenza. Per questo ultimo requisito entrano in gioco i tipi di apertura e le modalità di movimento delle ante; le prescrizioni al riguardo sono contenute nelle buone regole d’igiene che fissano i numeri di ricambi d’aria orari a seconda della destinazione degli ambienti. Evidentemente, resta nelle facoltà del cliente/ utente scegliere serramenti aventi tipologie con maggiori o minori prestazioni.


3.5.5 - Controllo del passaggio del rumore
È l’attitudine a fornire un’adeguata attenuazione dei rumori provenienti dall’esterno. Questo requisito, che discende dalla necessità di fornire un adeguato comfort acustico all’interno degli ambienti, può essere espresso in base all’indice di valutazione del potere fonoisolante (norma UNI 8204). Il serramento, quindi, è una delle componenti (ma non l’unica), insieme alle tompagnature ed ai solai, che concorrono a fornire il comfort acustico. Su tale argomento si rimanda anche ai paragrafi 4.5.7 e 6.6 .



3.5.6 - Tenuta all’acqua
È l’attitudine a impedire l’infiltrazione dell’acqua, in caso vi sia una differenza di pressione tra l’ambiente esterno e quello interno (norma UNI EN 1027). Si tratta di un requisito essenzialmente legato alla necessità di evitare il contatto con l’acqua di parti interne all’edificio non progettate per essere bagnate e quindi suscettibili di deterioramento. Su tale argomento si rimanda anche al paragrafo 6.4 .


3.5.7 - Resistenza al carico del vento
È l’attitudine a contrastare il manifestarsi di rotture o di deformazioni inaccettabili in conseguenza delle sollecitazioni causate dal vento (norma UNI EN 12211). Su tale argomento si rimanda anche al paragrafo 6.3 .


3.5.8 - Sicurezza alle intrusioni
È l’attitudine a limitare, piuttosto che impedire, l’intrusione di persone. Questo requisito, che acquista soprattutto importanza a seconda delle richieste dell’utenza, viene espresso in base alla resistenza che viene opposta ai tentativi di sfondamento, di perforazione e di forzatura (sistemi di sicurezza AhS, norme UNI ENV 1627/30). Su tale argomento si rimanda anche al paragrafo 6.9 .


3.5.9 - Resistenza al fuoco
È l’attitudine a conservare per un determinato periodo di tempo le prestazioni fornite, malgrado la presenza di un incendio. Si tratta, in genere, di un requisito che viene espresso nel caso di edifici soggetti a prescrizioni antincendio, e che usualmente non viene richiesto nel caso di utilizzazione di serramenti in legno o legno-alluminio.
  IL LEGNO INFISSI srl – Via Poste 11, 81011 Alife (CE) - p.iva 03809910619